mercoledì 7 dicembre 2016

SEGNALAZIONE ROMANZO PARANORMAL ROMANCE: SPLASH

Buongiorno mie cari amici lettori! E' con piacere estremo che voglio segnalarvi la saga completa di questo splendido paranormal romance: "SPLASH" di Connie Furnari!


TITOLO: SPLASH
AUTORE: CONNIE FURNARI
GENERE: PARANORMAL ROMANCE
EIDTORE: SELF PUBLISHING
PAGINE: 511
PREZZO E-BOOK: 2,49
PUOI ACQUISTARLO: QUI







TRAMA

Malibu Beach, Los Angeles. Fin da bambina, Maiden è stata sempre terrorizzata dall'acqua, senza capire il perché. A causa di questa fobia, la sua vita è sempre stata solitaria, poiché crede di essere l’unica sedicenne del suo liceo, il Seaside High, a non saper nuotare. Tutto cambia quando scopre di essere in grado di capire ciò che pensa Orlando, il pesce tropicale che lei tiene in una boccia di vetro. Una notte, a causa di un cattivo scherzo dei compagni di classe, viene abbandonata in mezzo all'oceano e rischia di affogare. Sotto la luna piena, grazie a una magia ancestrale e misteriosa, si trasforma in sirena. Dopo lo stupore iniziale, mentre nuota sperimentando i suoi poteri sovrannaturali, Maiden assiste al naufragio di una lussuosa nave da crociera, e salva la vita a un ragazzo caduto in mare, ignorando che si tratta di Maximilian, l’erede al trono di Chrisberg, un principato di Copenaghen.Tormentato dalla visione della bellissima sirena dai lunghi capelli ramati e dai grandi occhi azzurri che lo ha salvato, e stanco delle pressioni di palazzo, Max rimane a vivere con Skipper Hicks, un vecchio pescatore che lo ha soccorso dopo il naufragio, e che vive come un eremita in una baita sulla spiaggia di Malibu. Il destino fa incontrare di nuovo Maiden e Max, già innamorati l’una dell’altro, ma i due ragazzi non riescono mai a stare veramente assieme: lui deve nascondersi dai bodyguard reali che lo cercano per Los Angeles, lei non può lasciarsi bagnare dall'acqua perché corre il rischio di trasformarsi in sirena nei momenti meno opportuni. Qualcosa però, le suggerisce di non essere una sirena come le altre: ha dei poteri straordinari, l’acqua risponde a ogni suo comando, e sa che un giorno dovrà affrontare una scelta che segnerà il suo destino per sempre. Dagli abissi più reconditi dell’oceano riemerge un passato dimenticato, e una profezia antica quanto il mare stesso, che lega in modo indissolubile la sirenetta e il suo principe.
<<Non si può sfuggire alla propria natura>> sussurrò. << Ne al proprio destino. Io devo affrontare quello per cui sono nata>>
La saga Splash, composta dai volumi Ocean Girl, Malibu Girl e Prophecy Girl, è un paranormal romance young adult pieno di romanticismo e avventura, ispirato alla celebre fiaba di Hans Christian Andersen, La Sirenetta. La trama si ispira alla versione originale della leggenda ma si sviluppa in vicende alternative e con un finale inedito, seguendo i canoni del paranormal romantico e contemporaneo. Ãˆ una storia d’amore dolce e adolescenziale, ma anche un fantasy emozionante in cui i colpi di scena si susseguono di continuo.



ESTRATTO

Il sole non era ancora sorto, l’aurora rendeva il mare uno specchio luminoso, color argento. Le onde si infrangevano con lentezza sulla spiaggia e le bagnavano le pinne della coda, che continuavano a muoversi agitate. Maiden sospirò, in ansia. Erano ore che vegliava quel ragazzo svenuto. Non accennava a riprendere i sensi. I gabbiani cominciavano ad attraversare il cielo, distendendo le ali, e il loro canto la raggiungeva.Quel giorno ne avrebbero parlato tutti i quotidiani, di certo: una lussuosa nave da crociera era affondata, dopo un incendio scoppiato a bordo. Quando aveva visto quell’esplosione, dopo essersi nascosta dall’altra parte della nave, dopo che lui l’aveva scoperta, era balzata in aria dalla paura. Non le importava che lui la vedesse nella sua forma da sirena. Non appena lo aveva abbracciato, aveva sentito una sensazione meravigliosa, e lo aveva stretto a sé, poggiando la guancia sul suo torace. All’inizio Maiden era rimasta ipnotizzata dal fuoco. Aveva seguito con uno sguardo preoccupato quel ragazzo in smoking, mentre correva fra la folla che scappava sul ponte in tutte le direzioni. E poi lo aveva visto cadere in acqua. Era stato più forte di lei. Si era subito tuffata a soccorrerlo, non poteva lasciarlo morire affogato. «Ti prego, riprenditi» mormorò Maiden. Lo udì mormorare. Si girò verso l’oceano: adesso era diventato d’oro, il sole stava sorgendo all’orizzonte, come se nascesse dagli abissi del mare. Per fortuna, lo aveva portato in tempo in superficie, prima che smettesse di respirare, e si era diretta verso le stelle che spiccavano nel nero all’orizzonte, le luci di Los Angeles. Per tutta la notte era rimasta a vegliarlo, rimanendo sdraiata di fianco accanto a lui, dopo averlo trascinato a fatica a riva, e sdraiato supino. La scia di luce si allungava sempre più e li raggiungeva. A breve sarebbero tornati i pescatori e doveva sparire. Quello che era successo aveva dell’incredibile. «Ehi, stai bene?» Con delicatezza, Maiden gli prese il volto fra le mani. Non sapendo cosa fare, per coccolarlo e farlo sentire al sicuro, cominciò a cantare una canzone della quale non conosceva le parole, ma che era sempre rimasta celata nel suo cuore. Si era trasformata in pesce, aveva assistito al naufragio di una nave, e aveva salvato una vita. Forse era stato il destino a farla diventare sirena proprio quella notte, il suo sedicesimo compleanno. Max mugugnò. Gli faceva male la testa, non aveva forze, e non riusciva a ricordare cosa fosse accaduto. L’unico pensiero impresso nella sua mente era il volto della ragazza che, lui sapeva, lo aveva salvato dall’oceano. Un canto senza strofe, un mormorio dolce, che a volte sentiva quando sognava l’oceano. Maiden sapeva di aver già udito quel canto, ma non riusciva a ricordare dove, né quando. Non le importava. Voleva soltanto che lui stesse bene. L’aveva riconosciuta, era la sirena. La sua sirena. «Grazie… per avermi salvato.» Mentre lei cantava, Max dischiuse le palpebre. E la vide, in contrasto con il sole appena sorto. Il mare era azzurro e sereno, il cielo terso e senza una nuvola, il vento impregnato di salsedine le scompigliava i capelli rossi, facendoli svolazzare.

Nessun commento:

Posta un commento